• museitaliani

    @museitaliani

    3 months ago
  • Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande
  • Foto della @pinacoteca_bologna per #fiorinellarte 🌸🌹🌷🍃 - Giovanni Stanchi, Ghirlanda di fiori e farfalle, 1646, dettaglio. Approfittiamo della campagna social di #museitaliani per raccontarvi la storia del cosiddetto “giglio” di Firenze. Sembra che abbia preso origine da un’Iris bianca, l’Iris florentina che ai tempi della Repubblica fiorentina cresceva nella Valle dell’Arno e che il popolo chiamava “ghiacciolo” per il colore bianco, appena azzurrato, che è appunto il colore del ghiaccio, da cui pare derivi il nome di ‘giaggiolo’ comunemente usato in Toscana per indicare l’iris. Monsignor Vincenzo Borghini nel suo libro Discorsi (1584) riferisce che il giglio che figura nello stemma di Firenze ha origine dalla Iris florentina. Infatti in origine sul Gonfalone di Firenze c’era un’iris bianca in campo rosso, ma nel 1266-1267, dopo la cacciata dei Ghibellini, i Guelfi invertirono i colori e l’emblema della città divenne una iris rossa in campo bianco. Il mutamento è sottolineato anche da Dante Alighieri che fa dire all’avo Cacciaguida nel Canto XVI del Paradiso della Divina Commedia: “… tanto che l’giglio non era […] per division fatto vermiglio”, ovvero, per divisioni interne non era ancora diventato rosso. - #bologna #pinacotecabologna #instanature #green #spring #springbreak #nature #ninfee #art #arte #theweekinmuseitaliani #italia #italy #theweekoninstagram #travelgram #dametraveler #livecolorfully #theartofslowliving #exploreitaly #tasteintravel #traveler_stories #traveldeeper #whatitalyis #lovetheworld #italianmuseums #igersitalia #igerabologna #neverstopexploring
    museitaliani Foto della @pinacoteca_bologna per #fiorinellarte 🌸🌹🌷🍃
-
Giovanni Stanchi, Ghirlanda di fiori e farfalle, 1646, dettaglio.
Approfittiamo della campagna social di #museitaliani per raccontarvi la storia del cosiddetto “giglio” di Firenze.
Sembra che abbia preso origine da  un’Iris bianca, l’Iris florentina che ai tempi della Repubblica fiorentina cresceva nella Valle dell’Arno e che il popolo chiamava “ghiacciolo” per il colore bianco, appena azzurrato, che è appunto il colore del ghiaccio, da cui pare derivi il nome di ‘giaggiolo’ comunemente usato in Toscana per indicare l’iris.
Monsignor Vincenzo Borghini nel suo libro Discorsi (1584) riferisce che il giglio che figura nello stemma di Firenze ha origine dalla Iris florentina. Infatti in origine sul Gonfalone di Firenze c’era un’iris bianca in campo rosso, ma nel 1266-1267, dopo la cacciata dei Ghibellini, i Guelfi invertirono i colori e l’emblema della città divenne una iris rossa in campo bianco. Il mutamento è sottolineato anche da Dante Alighieri che fa dire all’avo Cacciaguida nel Canto XVI del Paradiso della Divina Commedia: “… tanto che l’giglio non era […] per division fatto vermiglio”, ovvero, per divisioni interne non era ancora diventato rosso.
-
#bologna #pinacotecabologna #instanature #green #spring #springbreak #nature #ninfee #art #arte #theweekinmuseitaliani #italia #italy #theweekoninstagram #travelgram #dametraveler #livecolorfully #theartofslowliving #exploreitaly #tasteintravel #traveler_stories #traveldeeper #whatitalyis #lovetheworld #italianmuseums #igersitalia #igerabologna #neverstopexploring

    Foto della @pinacoteca_bologna per #fiorinellarte 🌸🌹🌷🍃
    -
    Giovanni Stanchi, Ghirlanda di fiori e farfalle, 1646, dettaglio.
    Approfittiamo della campagna social di #museitaliani per raccontarvi la storia del cosiddetto “giglio” di Firenze.
    Sembra che abbia preso origine da un’Iris bianca, l’Iris florentina che ai tempi della Repubblica fiorentina cresceva nella Valle dell’Arno e che il popolo chiamava “ghiacciolo” per il colore bianco, appena azzurrato, che è appunto il colore del ghiaccio, da cui pare derivi il nome di ‘giaggiolo’ comunemente usato in Toscana per indicare l’iris.
    Monsignor Vincenzo Borghini nel suo libro Discorsi (1584) riferisce che il giglio che figura nello stemma di Firenze ha origine dalla Iris florentina. Infatti in origine sul Gonfalone di Firenze c’era un’iris bianca in campo rosso, ma nel 1266-1267, dopo la cacciata dei Ghibellini, i Guelfi invertirono i colori e l’emblema della città divenne una iris rossa in campo bianco. Il mutamento è sottolineato anche da Dante Alighieri che fa dire all’avo Cacciaguida nel Canto XVI del Paradiso della Divina Commedia: “… tanto che l’giglio non era […] per division fatto vermiglio”, ovvero, per divisioni interne non era ancora diventato rosso.
    -
    #bologna #pinacotecabologna #instanature #green #spring #springbreak #nature #ninfee #art #arte #theweekinmuseitaliani #italia #italy #theweekoninstagram #travelgram #dametraveler #livecolorfully #theartofslowliving #exploreitaly #tasteintravel #traveler_stories #traveldeeper #whatitalyis #lovetheworld #italianmuseums #igersitalia #igerabologna #neverstopexploring

  • 1,841 1
  • Save Image Other Pictures